Software gestionale, consigli per gli acquisti

SCARICA SUBITO LO SPECIALE – PALESTRA 4.0

Un semplice vademecum che può esservi di aiuto per capire a quale software gestionale votarvi

Oggi, fortunatamente, esistono fantastici strumenti informatici che possono aiutarvi a gestire la vostra società e aumentare/migliorare la fidelizzazione dei clienti, se non addirittura aiutarvi ad acquisirne di nuovi. Il problema più grande resta trovare lo strumento che fa al caso vostro. Vi riassumo un basilare vademecum che a mio avviso può esservi di aiuto:

1. Cercate (o fate cercare da una persona di vostra fiducia) sul web, senza paura di digitare frasi lunghe; non scrivete semplicemente “gestionale palestra”, ma esattamente quello che cercate restando nelle 10 parole circa. Oggi le nuove tecniche con cui i produttori si indicizzano vi permettono di trovare proprio quello che volete. Scoprirete che potrebbe bastarvi un unico strumento per risolvere tutte le vostre necessità o magari più di uno (per esempio uno per le prenotazioni, uno per i pagamenti rateizzati, ecc.).

2. Il passaparola è, e resterà, sempre la scelta migliore perché dà informazioni obiettive su quel prodotto o servizio, però, attenzione, non precludetevi la possibilità di conoscerne altri: fate comunque la ricerca descritta sopra.

3. Scegliete un sistema che funzioni in “cloud”, ossia che non sia installato fisicamente sul vostro computer ma che potete utilizzare da qualsiasi pc o smartphone collegato a internet, ovunque voi siate.

4. Scegliete uno strumento che abbia un’app: il vostro cliente ormai se l’aspetta, vuole avere velocemente tutte le info del vostro centro senza andare sul sito o chiamarvi. Per esperienza vi assicuro che preferisce prenotarsi da lì. Oggi i dati di accesso a qualsiasi informazione da smartphone rispetto al computer vi lascerebbero stupefatti, e crescono in modo esponenziale.

5. Nel caso dell’app potete facilmente verificare che sia realizzata da un’azienda consolidata, andando a controllare dei dati sui negozi virtuali di Google (Android) e di Apple (iPhone). Lì, il feedback degli utenti finali è reale e impietoso. Più recensioni sono presenti, meglio è. Guardate che la votazione sia possibilmente superiore a 4. Dallo store di Google (c’è solo lì) verificate il numero di scaricamenti: sopra ai 10mila, per dire, significa che il prodotto è diffuso e utilizzato. Dallo store di Apple (c’è solo lì) in “cronologia versioni” controllate da quanto esiste l’App.

6. I servizi informatici costano sempre meno: questo non è necessariamente un segno di bassa qualità. Sceglietene possibilmente uno i cui costi siano proporzionali alle entrate del vostro centro. Ce ne sono. La stagionalità del vostro settore vi spinge per forza a questo tipo di scelta.

7. Alla fine, selezionatene almeno due e poi fate la vostra valutazione sulla base delle funzioni in relazione al prezzo. Non scartate mai a priori le funzioni/novità che uno strumento vi propone… magari proprio lì si nasconde la chiave per risolvere un problema che non sapevate neppure di avere.

Luca Zivelonghi

Facebook Comments
In this article