Normative - Pagina 2 di 5 - La Palestra

Scarica gratis il numero 103

Vendita di alimenti o di prodotti in palestra

In un contesto sempre più finalizzato alla fidelizzazione del cliente, anche i centri sportivi, le palestre o i circoli soddisfano le esigenze della clientela con servizi aggiuntivi come la somministrazione di cibi e bevande o la vendita di prodotti, abbigliamento o gadget. Tuttavia si tratta di attività collaterali che non rientrano nella normale gestione di un centro, ma fanno riferimento ad una normativa precisa e richiedono particolari autorizzazioni, sia per quanto concerne gli spazi da adibire, sia per il personale coinvolto e le modalità di ricavo.

Partiamo dalle autorizzazioni comunali richieste per la vendita di prodotti alimentari o integratori e non alimentari (indumenti sportivi, prodotti per la cura del corpo). Come prima cosa va avviata la procedura per la S.C.I.A. (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) destinata al Comune dove si svolge l’attività di vendita e dove è ubicato il centro o la palestra.
Si tratta di una procedura online costituita da più passaggi.

Continua a leggere

Fatturazione elettronica non c’è più tempo per rimandare

Dal 1° gennaio 2019, al tradizionale metodo di fatturazione subentra in modo obbligatorio la fatturazione elettronica tra soggetti privati.
Come devono comportarsi palestre e operatori del fitness? Ve lo spieghiamo, ricordandovi che potete delegare il tutto al vostro commercialista

La fattura elettronica o e-fattura è un documento informatico, in formato strutturato (XML), trasmesso per via telematica attraverso il Sistema di interscambio (SDI) e da questo recapitato al soggetto ricevente.
Dal 1° gennaio 2019, al tradizionale metodo di fatturazione subentra in modo obbligatorio la fatturazione elettronica tra soggetti privati, oltre che verso la Pubblica Amministrazione, già obbligatorio dal 2014.
Con questo articolo vogliamo fare chiarezza su alcuni punti importanti riguardanti la fattura elettronica nel caso specifico delle palestre e per tutti gli operatori del fitness

Continua a leggere

GDPR: Ecco le novità per le palestre

Il nuovo Regolamento Europeo n. 679/2016 sulla protezione dei dati personali riguarda anche il mondo delle palestre: come mettersi in regola ed essere certi di non incappare in sanzioni?

Il 25 maggio 2018 ha trovato piena applicazione in tutti i paesi dell’Unione Europea il Nuovo Regolamento Europeo n. 679/2016 sulla protezione dei dati personali (GDPR – General Data Protection Regulation), che ha introdotto importanti novità in materia, con l’obiettivo di elevare il livello di protezione dei dati, rafforzare la fiducia dei cittadini e sostenere la crescita dell’economia digitale.

Che cos’è un dato personale?
Un dato personale è qualunque informazione riconducibile a un individuo. Ad esempio, sono dati personali il nome e cognome di una persona e tutti i suoi dati anagrafici, l’indirizzo e-mail, il numero di telefono, ma anche una fotografia, i suoi dati biometrici (es. l’impronta digitale o le caratteristiche della sua firma autografa), il suono della sua voce, le sue abitudini alimentari. Alcune categorie di dati (come quelli relativi ai dati genetici, allo stato di salute, all’orientamento sessuale o all’appartenenza a partiti
e sindacati) sono considerati sensibili e richiedono misure aggiuntive di protezione in base alla normativa.

Quali sono le sanzioni per non essersi adeguati?

I costi della violazione delle norme possono essere elevati, si può arrivare a sanzioni fino a 20 milioni di euro oppure al 4% del fatturato annuo precedente, se superiore. Le autorità locali per la protezione dei dati controllano la conformità. Il lavoro è svolto a livello dell’Unione europea.

Continua a leggere

Il registro CONI 2.0

Prima di analizzare il Registro nazionale del Coni nella sua attuale conformazione, può essere utile inquadrare il fondamento normativo e la sua funzione
Il 2017 per la disciplina sportiva dilettantistica è stato un anno di forte mutamento.
Il consiglio nazionale del Coni, oltre alle più celebri e tonanti delibere che sono andate a definire gli elenchi delle discipline riconosciute come sportive dilettantistiche, è intervenuto nel corso del 2017 con la delibera numero 1574 introducendo, con effetto dal primo di gennaio del 2018, il nuovo Registro Coni infatti denominato Registro CONI 2.0.

Continua a leggere

Società sportiva dilettantistica lucrativa: costi e benefici

II 27 dicembre 2017 ha segnato una rivoluzione che potremmo definire non radicale ma incrementale in quanto ANIF aveva già, da anni, percepito e sollevato le istanze dal basso, di un’azienda sportiva dilettantistica. Dal 1 gennaio questo nuovo soggetto giuridico, la società sportiva dilettantistica lucrativa, è realtà ed essere un imprenditore dello sport senza tagliare i ponti con il dilettantismo è finalmente possibile.

Continua a leggere

Iscriviti alla newsletter