Normative Archivi - Pagina 2 di 5 - La Palestra

Scarica gratis il numero 84

Il registro CONI 2.0

Prima di analizzare il Registro nazionale del Coni nella sua attuale conformazione, può essere utile inquadrare il fondamento normativo e la sua funzione
Il 2017 per la disciplina sportiva dilettantistica è stato un anno di forte mutamento.
Il consiglio nazionale del Coni, oltre alle più celebri e tonanti delibere che sono andate a definire gli elenchi delle discipline riconosciute come sportive dilettantistiche, è intervenuto nel corso del 2017 con la delibera numero 1574 introducendo, con effetto dal primo di gennaio del 2018, il nuovo Registro Coni infatti denominato Registro CONI 2.0.

Continua a leggere

Società sportiva dilettantistica lucrativa: costi e benefici

II 27 dicembre 2017 ha segnato una rivoluzione che potremmo definire non radicale ma incrementale in quanto ANIF aveva già, da anni, percepito e sollevato le istanze dal basso, di un’azienda sportiva dilettantistica. Dal 1 gennaio questo nuovo soggetto giuridico, la società sportiva dilettantistica lucrativa, è realtà ed essere un imprenditore dello sport senza tagliare i ponti con il dilettantismo è finalmente possibile.

Continua a leggere

Il GDPR si applica anche al centro sportivo: come mettersi in regola

Il 24 maggio 2016 è entrato in vigore il Nuovo Regolamento Europeo (o General Data Protecion Regulation, GDPR) applicato in tutti i Paesi UE dal 25 maggio 2018
Sono importantissime le novità introdotte dal GDPR per cittadini e imprese, con l’obiettivo dichiarato di elevare il livello di protezione dei dati, rafforzare la fiducia dei cittadini e sostenere la crescita dell’economia digitale.

Continua a leggere

La fatturazione elettronica: perché è importante?

Con l’approvazione della Finanziaria 2018, la fattura elettronica sarà obbligatoria per tutti, anche per le prestazioni ai privati (B2C), a partire dall’ 1/01/2019. Vediamo come funziona
In Italia si sente parlare di fatturazione elettronica dal 2015, quando è diventata obbligatoria per tutte le prestazioni verso la PA e quando è stato approvato il D.Lgs. 127/2015. Questo decreto, oltre a disciplinare la gestione degli introiti delle vending machine e la trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri, ha introdotto fatturazione elettronica tra imprese (B2B) facoltativa, a partire dall’1/01/2017.

Continua a leggere

La Società sportiva dilettantistica lucrativa sotto la lente degli esperti

ANIF-Eurowellness, associazione di categoria leader in Italia che tutela e rappresenta gli impianti sport e fitness ha presentato, il 31 gennaio, in Sala Auditorium del Forum Sport Center, a Roma, la società sportiva dilettantistica lucrativa, una svolta radicale per il mondo dello sport: più di 300 operatori, stakeholders, formatori e consulenti del settore. Il nuovo soggetto giuridico ha riempito un vulnus normativo che permetterà alle imprese sportive di investire in modo trasparente, distribuendo gli utili ma restando all’interno del sistema sportivo dilettantistico. La nuova SSDL è stata il punto di arrivo di un progetto di legge che ANIF ha contribuito a redigere, veicolando le istanze che provengono dal basso e che è stato, prima depositato in Parlamento dall’On. Daniela Sbrollini e, poi, portato all’approvazione, nelle sue parti fondamentali, dal Ministro dello sport Luca Lotti, con la Legge di Bilancio.

Continua a leggere

Bonus e tasse: alcuni approfondimenti

E’ vero che aprire un contenzioso fiscale rischia di costare di più?
Sì, e rischia anche di allungare la durata del processo tributario. È stato elevato da 20.000 a 50.000 il tetto sotto al quale è richiesto al contribuente di inviare un ricorso-reclamo all’Ente che gli richiede i soldi ed avviare un processo di mediazione. In pratica si tratta di anticipare lo stesso ricorso che si presenterebbe in Commissione Tributaria, ma dando all’Ente impositore il vantaggio di prendere più tempo per studiare le contromisure. L’Ente ha 90 giorni per annullare il suo provvedimento, ma è piuttosto improbabile che questo avvenga, perché di solito il contribuente ha già avuto modo di esporre le sue ragioni e, se non sono state ascoltate prima, non è molto probabile che vengano accolte.

Continua a leggere

Iscriviti alla newsletter