fbpx
vetrina di un centro fitness

La vetrina di un centro fitness

Anche nel settore del fitness spesso vige la regola non scritta che “la forma è sostanza”. L’utente che si appresta a fare il proprio ingresso in una palestra sicuramente si soffermerà sull’aspetto della vetrina e farà le sue considerazioni.

L’obiettivo principale di una vetrina è quello di colpire il passante, di farlo fermare e di incuriosirlo a tal punto da spingerlo a entrare.

 

Va da sé che se una vetrina è sistemata male, se non c’è un filo logico nell’esposizione dei prodotti, se è scarsamente illuminata e in più è anche impolverata, difficilmente trasmetterà le motivazioni di acquisto del cliente fitness quali pulizia e igiene, ordine, cura della persona.

Più la vetrina è complicata e difficile da raggiungere, inoltre, come ad esempio le vetrate dei centri fitness quando sono interrati, più il suo studio diventa delicato e fondamentale per riuscire a cogliere l’attenzione delle persone. A tale scopo potrebbe essere utile applicare vetrofanie accattivanti, originali o sorprendenti.

Una vetrina è anche uno strumento di vendita

Esaurita la funzione di incuriosire e fermare il passante, è necessario fare in modo che la vetrina sia contemporaneamente e senza soluzione di continuità anche uno strumento di vendita.

Cosa di non poco conto, ma facilmente ottenibile quando si comunica con i possibili clienti creando una storia attraverso la scenografia.

Per rendere commerciale una scenografia è importante seguire le regole del vetrinismo che valgono per tutti i settori, e alcune semplici regole di marketing, come ad esempio l’inserimento ben visibile di una “call to action”, quale un abbonamento, una promozione o un’offerta limitata nel tempo, che il cliente potrà ottenere comprando quel determinato prodotto o servizio.

Ma cosa si dovrebbe vendere attraverso la vetrina?

E’ di primaria importanza tenere presente che il gestore di centro fitness è esclusivamente concentrato sulla vendita di abbonamenti e l’esposizione di prodotti di definizione ancillare al suo Business principale quali possono essere i trattamenti benessere, i menù della ristorazione, eventi, ecc. devono essere propedeutici alla vendita o al rinnovo di un abbonamento e mai fini a se stessi.

Quindi la scelta dei prodotti e dei servizi da vendere in vetrina non può essere casuale e tantomeno non congeniale allo “spazio vetrina” che si ha a disposizione, al tema scelto che varia in base alle festività, alle stagioni o anche in base a delle occasioni speciali come ad esempio l’eventuale passaggio nel proprio comune del Giro d’Italia.

Normalmente la vetrina dovrebbe essere trasparente e non percepita dal passante come una barriera ma dovrebbe essere un tutt’uno con il mondo esterno. Proprio per questo motivo è fondamentale lo studio e la cura del fronte strada della vetrina e della scenografia dell’interno del centro.

A seconda del design degli interni, della priorità degli impianti e delle attrezzature esposte, saranno espressi concept diversi o, ancora meglio, saranno lanciati segnali a vari segmenti del target.

La vetrina completamente oscurata, magari con una piccola fessura contornata dall’immagine di un televisore che lascia intravvedere cosa avviene all’interno del centro fitness, deve essere studiata in stile provocatorio e quindi usata temporaneamente in un contesto promozionale tipo saldi oppure di coming soon.

Informarsi prima

Data l’interpretazione che molti comuni fanno dei “mezzi pubblicitari”, è utile prima di applicare una vetrofania pubblicitaria, una insegna o un altro impianto simile, chiedere anche solo attraverso una semplice telefonata all’ufficio pubblicità e tributi del proprio comune se esiste un regolamento e cosa prevede in materia.

E’ bene sapere che le insegne informative o pubblicitarie possono essere installate di norma solo in corrispondenza dell’attività che si intende reclamizzare e la pubblicità mobile con l’esposizione di striscioni, locandine e stendardi è ammessa unicamente e limitatamente al periodo di svolgimento di manifestazioni sportive, culturali, convegni, spettacoli ecc…

Facebook Comments

In this article