Come rendere più confortevoli le sale da bagno e gli spogliatoi - La Palestra

Scarica gratis il numero 84

Gestione

Come rendere più confortevoli le sale da bagno e gli spogliatoi

Il livello di benessere e piacevolezza di bagni e spogliatoi può essere notevolmente migliorato con alcuni interventi intelligenti di grande effetto.

Ci sono vari punti critici degli spogliatoi un po’ datati, soprattutto perché fino a poco tempo fa erano considerati degli spazi accessori, di secondo piano; oggi questi luoghi sono diventati invece importantissimi per l’impatto che hanno sull’utente finale, e diventa dunque fondamentale capire come poterli migliorare e dare “quel tocco in più”. Se le pareti si presentano rivestite con mattonelle anonime, di piccolo formato, è possibile intervenire con una rasatura e l’applicazione di una carta da parati vinilica, quindi resistente, impermeabile e facilmente pulibile, ottenendo un risultato eccellente e a basso costo.

Per la zona docce

dove avviene uno scorrimento continuo di acqua, esistono “carte“ specifiche: sulla rasatura si opera con un primer (cioè un fissativo), e con un prodotto di protezione finale (i vari produttori forniscono il kit necessario). Questi sistemi ci consentono di operare senza demolizioni, rapidamente, e con spessori minimi, quindi economicamente interessanti. Sempre per la zona docce, possiamo sostituire i soffioni tradizionali con modelli luminosi: alcuni hanno una tecnologia di illuminazione che si attiva al passaggio dell’acqua, cambiando colore; senza nessuna opera muraria, ma con una semplice sostituzione, è possibile ottenere un grande effetto.

Nella zona spogliatoio possiamo lavorare invece su piccoli complementi di arredo: uno specchio stravagante (o specifico per il make up per le signore), appendiabiti di design, elementi di termoarredo a parete originali. Anche la zona phon può essere facilmente rinnovata: esistono phon di design da parete, per sostituire quelli più comuni a proboscide, o meglio ancora inserire una mensola attrezzata su cui inserire phon tradizionali, a filo.

Le pellicole adesive sono un mezzo molto interessante per operare su situazioni esistenti. Vanno utilizzate immagini vettoriali o di grande formato (per evitare che in grande dimensione risultino sfocate, rovinando l’effetto), da stampare su supporti in pvc. Queste possono essere applicate facilmente su porte o armadietti, conferendo un aspetto completamente nuovo. È importante usare un buon applicatore, che sappia stendere la pellicola evitando la formazione di bolle d’aria, e che applichi un prodotto finale di laminatura, che rende la pellicola opportunamente resistente.

La stessa tecnologia è utilizzabile anche per i pavimenti, anche se la durata della stampa è limitata nel tempo: va messo in conto di sostituirla dopo un paio d’anni, ma questo può essere visto anche come un vantaggio, perché può consentire di dare, a cadenza regolare, una ventata di novità agli utenti del club. Intervenire sull’illuminazione è un’operazione semplice e poco dispendiosa.

Un’illuminazione uniforme e anonima sminuisce ogni intervento di miglioramento che possiamo fare. Quindi, ad esempio, si possono sostituire i faretti tradizionali con altri di tipo RGB, cioè con tecnologia di cambio colore. Abbinati a una centralina di controllo, possono essere impostati nella durata e nella velocità di transizione dei colori, quindi tenuti sul colore bianco per la maggior parte del tempo, e programmati a intervalli regolari per un ciclo di cambio colore. In alternativa, si possono abbinare tipologie diverse di corpi illuminanti: ai faretti esistenti si può aggiungere un’illuminazione diversa, come una strip led perimetrale per un’atmosfera diversa.

Silvia Giannini e Anna Palucci,

architetti di WELLNESS 7.0

www.wellnessettepuntozero.com

Iscriviti alla newsletter