Covid e fitness: palestre italiane sempre più digitali - La Palestra

Scarica gratis il numero 96

NEWS

Covid e fitness: palestre italiane sempre più digitali

Lo conferma una ricerca dell’International Fitness Observatory (IFO), realizzata in collaborazione con TeamSystem.

Oltre il 55% dei gestori delle palestre italiane intervistate ha introdotto un’applicazione mobile a seguito dell’emergenza sanitaria.

L’emergenza sanitaria sta accelerando in modo significativo il processo di trasformazione digitale delle palestre italiane. Questo emerge da uno studio dell’International Fitness Observatory (IFO) – realizzato in collaborazione con TeamSystem – che ha analizzato lo stato di digitalizzazione del mondo delle palestre, centri sportivi e club in Italia.

Secondo la ricerca, il 55,6% dei centri intervistati ha accelerato i propri progetti digitali, introducendo applicazioni mobile nel periodo dell’emergenza sanitaria. Le applicazioni hanno l’obiettivo nell’83,5% dei casi di agevolare la prenotazione dei corsi, mentre per il 70% delle palestre sono funzionali all’erogazione di corsi online. Interessante anche il dato relativo alla realizzazione e alla distribuzione delle schede di allenamento (43%), mentre il 35% viene usato per rendere possibili gli acquisti online.

Per quanto riguarda i social network, inoltre, addirittura il 97% delle realtà sul mercato sembrano puntare su piattaforme come Facebook e Instagram come strumento di relazione e comunicazione verso gli iscritti.

A dimostrazione degli impatti positivi del digitale sulla competitività anche dei centri sportivi, secondo i dati di IFO oltre l’80% degli intervistati dichiara che app e social network hanno aiutato a migliorare le proprie performance economiche e che la digitalizzazione sarà fondamentale per il settore anche nella fase di ripresa post pandemia.

“La rivoluzione digitale ha ormai impatto ogni campo della nostra vita quotidiana, compreso il mondo delle palestre e dei centri sportivi”, ha commentato Cristiano Zanetti, Vertical Business Director di TeamSystem. “Se prima dell’emergenza sanitaria esisteva un terzo di gestori che faceva a meno dell’utilizzo di qualsiasi strumento informatico per mandare avanti il proprio business, adesso emerge che il 90% degli imprenditori del settore è alla ricerca di strumenti digitali semplici e integrati, mentre il 40% è consapevole del valore delle soluzioni digitali per incrementare la qualità del servizio offerto ai propri clienti e come abilitatori di competitività”.

Ritardi, invece, dal punto di vista dell’adozione della tecnologia cloud. Quasi il 60% dei centri sportivi e delle palestre che utilizzano strumenti informatici non fa leva sulla flessibilità e l’efficienza rappresentata dal cloud computing, dato che si relaziona al generale 32,4% delle piccole e media imprese italiane per cui – secondo i dati di un’ulteriore ricerca a cui ha partecipato TeamSystem – il cloud non è prevalente all’interno della propria infrastruttura informatica.

Iscriviti alla newsletter