Un programma di salute serio per il vostro centro fitness - La Palestra

Scarica gratis il numero 89

Gestione

Un programma di salute serio per il vostro centro fitness

Organizzare un servizio medico adeguato in palestra, a tutela della salute, richiede un metodo di lavoro serio e un approccio condiviso da tutto il personale

I centri wellness propongono salute, i centri wellness producono salute, i centri wellness rappresentano salute. Nelle palestre si pratica attività motoria e perciò si pratica attività che fa star bene, che migliora lo stato di salute delle persone.

Ma chi e come si determina un programma salute in un centro?

Il certificato medico

Senza dubbio il primo step che può determinare un programma salute è la richiesta del certificato medico. Un centro serio, che sia obbligatorio o meno, deve richiedere ai suoi clienti un certificato medico che certifichi lo stato di salute.
Può però essere sufficiente esibire un certificato medico per poter iniziare un’attività fisica in palestra? No. Innanzitutto, come si sa oramai da tempo, ci sono due tipi di certificati: per attività “ludico-motoria” e per attività “non agonistica”, laddove il secondo vuole la dicitura “ecg eseguito in data odierna”. Questo vuol dire che nel secondo caso l’elettrocardiogramma è obbligatorio, e nel primo caso (come dice la normativa vigente) è consigliato. Noi diciamo invece che è necessario sempre per poter affrontare delle attività cardio-vascolari che siano esse intense o meno.

La visita medica

La visita medica serve a raccogliere informazioni cliniche e a rilevare i valori pressori che ci danno un’altra indicazione. Chi soffre di ipertensione non può utilizzare la sauna e il bagno turco e non può neanche eseguire determinati esercizi per gli addominali (crunch) perché vanno a comprimere l’aorta addominale aumentando ulteriormente la pressione. Durante la visita esiste un colloquio per segnalare eventuali farmaci che il cliente prende e che possono essere controproducenti al fine di un’attività sportiva, a conoscere eventuali famigliarità in caso di malattie cardiovascolari, diabete e quant’altro.

Tutte queste informazioni non sono inutili, servono per poter rilasciare indicazioni precise ai tecnici, i quali ne dovranno tenere conto per i programmi di allenamento.

Per motivi di privacy il medico non può comunicare le eventuali patologie ma può indicare eventuali limitazioni da applicare. Sono poi necessarie informazioni riguardo al peso e alla composizione corporea per arricchire i dati utili al cliente e ai tecnici. Per tornare quindi al punto iniziale, chi e come si determina un programma salute in un centro, possiamo dire che in un centro occorre organizzare un servizio di visite mediche.

Uno studio medico pulito e luminoso

Occorre innanzitutto dedicare una stanza da adibire a studio medico: pulita, luminosa, possibilmente con un bagno vicino, dove sono sufficienti una scrivania, un lettino, ripiani per gli apparecchi elettromedicali e sedie e attaccapanni per rendere funzionale la stanza. Vanno presi contatti con il medico per stabilire giorni e orari: la proprietà potrà poi decidere se rivolgersi a organizzazioni mediche esterne o gestire direttamente il servizio e impostare un programma di gestione degli appuntamenti in reception per facilitare il lavoro al front-desk.

Un personale motivato

Una volta organizzato il servizio medico è però fondamentale che tutto il personale del centro sia coinvolto dall’iniziativa. Non si tratta di inserire una “scocciatura” per i clienti, o di inserire un nuovo sistema per spillare soldi, ma si tratta di iniziare un nuovo metodo di lavoro dove il messaggio principale è la SALUTE. Tutto il personale perciò deve credere in questa filosofia e deve essere determinato nel comunicare un messaggio di salute ai suoi clienti.

Fabio Swich
Ideatore di UpWell società di servizi benessere, pioniere del cardio-fitness dal 1986.
fswich@upwell.it

Iscriviti alla newsletter