Come rendere aperto e accogliente il centro fitness - La Palestra

Scarica gratis il numero 87

Gestione

Come rendere aperto e accogliente il centro fitness

Come rendere aperto e accogliente il centro fitness anche per chi non si allena, e far sì che le persone varchino la soglia dell’ingresso per trascorrere insieme piacevoli momenti di socialità.

La maggior parte dei sondaggi realizzati nei centri fitness concordano nel rilevare che in palestra si va anche per socializzare e per stringere nuove amicizie. Si stima che il tempo medio dedicato all’allenamento non superi il 60 percento della permanenza in palestra. Le condizioni migliori per la socializzazione sono quelle che si realizzano durante l’allenamento. Le innovazioni “socializzanti“ che nel tempo hanno investito i centri fitness sono andate proprio in questa direzione, sfornando di continuo allenamenti e attività di gruppo, tralasciando però altri reparti che meritano attenzione.

Progettare un atrio “socializzante”

Prendiamo per esempio l’atrio del centro fitness, che spesso è considerato un luogo di passaggio dove il cliente si affretta a oltrepassare il tornello, il più delle volte, con la speranza di non essere intercettato dal consulente commerciale di turno. Potrebbe invece essere visto come un ambiente innovativo dove trascorrere volentieri del tempo in compagnia di altre persone. Rendere quest’area “socializzante” significa innanzitutto far sì che l’ambiente esterno diventi parte integrante della geografia dell’atrio della palestra, attraverso la realizzazione di ambienti polifunzionali, capaci di soddisfare le più diversificate esigenze della clientela.

Porte aperte

Il centro fitness deve essere sempre più permeabile alla città. La porta di ingresso passa da essere respingente ed esclusiva, a essere aperta e trasparente, in modo che qualunque passante abbia la sensazione di poter partecipare alla vita del centro stesso. Questa impostazione progettuale ha molto a che fare con la socializzazione perché, se da una parte aiuta a intercettare una possibile clientela, che non è quella tipica del centro fitness, e non sapendo bene cosa avviene nel centro stesso lo evita, dall’altra sicuramente contrasta la tendenza del “mordi e fuggi” di molti clienti. Più clienti con diversi interessi e con più tempo di permanenza sono un’associazione vincente per l’innesco di momenti di socializzazione.

Più utilizzi

Gli ambienti, per essere predisponenti alla socializzazione, devono essere strutturalmente polivalenti, in grado di cambiare pelle, offrendo funzioni inaspettate per stupire il cliente nel giro di pochi secondi. Così può capitare che in una particolare serata uno scrittore presenti il suo ultimo libro, seduto al centro di un’area conferenza che durante le altre ore viene modulata in differenti funzioni. In questa maniera, durante la giornata, la stessa area può diventare una sorta di soggiorno, dove è possibile imbattersi in persone che fanno riunioni, in lettori sprofondati in comode poltrone o in semplici consumatori del bar, ma comunque in persone messe nella condizione di costruire relazioni interpersonali.

Gli spazi ovviamente devono essere cablati in modo da consentire la ricarica dei cellulari, la connessione alle reti oltre a offrire la possibilità di utilizzare basi per altoparlanti per il cellulare/mp3 per ascoltare tranquillamente la propria musica. Inoltre, trovare il quotidiano a disposizione e magari dei biscotti con acqua calda per the o una tisana fredda a volte non ha prezzo.

A proposito di lettura, potrebbe colpire i clienti in modo positivo un angolo segreto per la lettura, collocando una panca con morbidi cuscini con una modulazione perfetta della luce in un’area appartata e accessibile in modo discreto. Utile potrebbe essere anche mettere a disposizione un paio di occhiali, e-book, kit con matita, segnalibro e magari dei fazzolettini per pulire le lenti degli occhiali. Il principio è semplice, di solito le persone con gli stessi interessi tendono a cercarsi e a condividere la stessa passione, e questo avviene sempre di più in un’atmosfera informale vivendo una sensazione di comfort avvolgente.

Scelte di arredo azzeccate

Il design dell’ambiente gioca un ruolo fondamentale; deve essere inteso come uno strumento che aiuta ad amplificare la vitalità degli spazi e a creare risonanza, costruendo spazi ibridi e ricchi di appeal. In questi ultimi anni vanno di moda i muri ad acqua: pareti più o meno ampie, a seconda dello spazio di cui si dispone, su cui scorre un flusso d’acqua continuo. Il rumore dell’acqua ha la capacità di calmare e distendere l’animo umano e quindi di predisporre le persone a relazionarsi tra di loro. Nella scelta cromatica è importante sapere che alcuni specifici colori hanno un influsso positivo sulla psiche delle persone, influenzandone le emozioni e gli stati d’animo. Ad esempio quelli pastello, in particolar modo quelli associati alle tonalità del giallo, sono ottimi per invogliare a socializzare, perché ispirano ottimismo. Infine, anche se può sembrare banale, abbellire alcuni ambienti con piante e fiori aiuta a liberarsi dallo stress. Bonsai, piccole piante grasse o fiori freschi o ancora erbe aromatiche accanto a candele profumate, rendono l’atmosfera confortevole e rilassante.

Occuparsi della socializzazione dei clienti è un affare

L’area della reception dei centri fitness si configura in molti casi ancora come luogo del passato con ingressi che respingono, con un banco accoglienza dall’aspetto austero e a volte con un triste salottino che fa le veci della sala d’attesa. Mettere a rendita ogni singolo metro quadrato della propria struttura vuole dire anche innovare e rinnovare di continuo le proprie aspettative e la propria idea di centro fitness.

Clienti che rimangono più tempo in palestra non rappresentano un maggior costo orario ma piuttosto un investimento. Di lavoro da fare ce n’è molto. Vanno definiti gli spazi, la progettazione, le dinamiche di circolazione, i tempi di permanenza nei vari locali evitando il sovraffollamento, la scelta dello staff con caratteristiche comunicative e la sua formazione e ancora tanto altro. Occuparsi della socializzazione dei clienti è un affare, perché è sinonimo di comunità, che è uno dei principali strumenti di fidelizzazione degli utenti.

Roberto Panizza
Professionista di tour operator, catene alberghiere e amministrazioni pubbliche per lo sviluppo e la promozione della vacanza a tema sportivo e attivo.

panizzarobi@yahoo.it

Iscriviti alla newsletter