La comunicazione efficace per la tua palestra - La Palestra

Scarica gratis il numero 110

Gestione

La comunicazione efficace per la tua palestra

La comunicazione è un bisogno umano fondamentale per creare relazioni e trasferire idee ed emozioni. Tuttavia, per raggiungere l’obiettivo prestabilito, la comunicazione deve essere efficace.

Paul Watzlawick, psicologo e filosofo, sosteneva che “non si può non comunicare” ed è altrettanto vero che non si può non essere influenzati dalla comunicazione. Questi importanti aspetti offrono l’opportunità di comprendere e capire che, consapevoli o no, quando comunichiamo o interagiamo con qualcuno, lo condizioniamo costantemente proprio come egli influenza noi.

La comunicazione è un bisogno umano molto importante che ci consente di creare ed istaurare rapporti con i nostri simili. È un’opportunità straordinaria per condividere e trasferire idee, contenuti e i nostri pensieri. Inoltre, è un eccellente metodo per trasferire le nostre emozioni e i nostri desideri con tutto ciò che ci circonda.

Quindi, come indicato dallo studioso Paul Watzlawick, indipendentemente dalla nostra modalità comunicativa, ogni volta che utilizziamo le nostre parole, la nostra voce e il nostro corpo, diffondiamo un messaggio che può avere molti significati e mille sfumature.

La comunicazione efficace: siamo sempre consapevoli di ciò?

Facciamo un minimo di chiarezza e partiamo da una delle definizioni più accreditate utilizzate sulla comunicazione efficace.
La comunicazione efficace è quella che raggiunge lo scopo per cui l’abbiamo messa in atto. Interpretando al meglio la definizione sopra indicata, ci sono due aspetti su cui soffermarci: la comunicazione e lo scopo.

Communico, come indicavano correttamente i latini, significa accomunare, rendere partecipe, mettere in comune, mettersi d’accordo con qualcuno, consigliarsi, parlare, essere in relazione, essere in rapporto.

La comunicazione è il processo che ci consente di esprimere e condividere le nostre idee e, proprio per questi motivi, è opportuno formulare contenuti comunicativi che possano essere compresi dai nostri interlocutori.

È opportuno ricordare che ci sono modelli “semplici” ed “evoluti” della comunicazione e che entrambi devono rispettare sempre gli elementi essenziali del processo comunicativo: emittente, codice del messaggio, ricevente e riscontro.

Apparentemente, tutto sembra molto semplice. Nella realtà, quando viene omesso o violato anche un solo elemento del modello comunicativo, oltre a venire meno il contenuto del messaggio, nasce un errore molto diffuso nella comunicazione: la distorsione e l’incomprensione del messaggio e, di conseguenza, il mancato trasferimento del contenuto comunicativo. Questo processo, affinché possa sortire un riscontro efficace, deve sempre rispettare gli elementi fondamentali e, soprattutto, ogni elemento del modello sopra indicato deve essere utilizzato e formulato nei corretti tempi e modi.

Per supportare la chiarezza e l’efficacia del messaggio comunicativo, è fondamentale che l’emittente, ovvero colui che vuole trasmettere il proprio contenuto, abbia uno scopo preciso e prestabilito.

Siamo sempre certi di avere un preciso scopo quando comunichiamo?

Questo è un aspetto importante per ogni comunicatore poiché l’obiettivo deve essere ben chiaro, ovvero quale modello comunicativo scegliere affinché lo scopo desiderato possa essere raggiunto e possa generare un’influenza positiva reciproca.

Pertanto, per ottenere una risposta appropriata all’atto comunicativo, è necessario studiare, conoscere ed applicare i diversi modelli di comunicazione (assertiva, formale, informale, provocatoria, emozionale, persuasiva, PNL, abilmente vaga, carismatica) per creare un rapporto che possa fornire risposte adeguate agli obiettivi della comunicazione.

Ad esempio, se abbiamo deciso di utilizzare una comunicazione di tipo “provocatoria”, dobbiamo essere consapevoli che quando il messaggio sarà ricevuto dal nostro interlocutore, probabilmente otterremo un riscontro di tipo “irritante”, e dobbiamo essere pronti ed attenti nel sapere gestire ogni circostanza od emozione che si presenterà.

In questo caso (come per ogni metodologia comunicativa utilizzata), è opportuno imparare a gestire, attraverso strumenti, competenze e risorse, quale sarà il riscontro che otterremo da questo tipo di comunicazione e gli stati personali ed emotivi che emergeranno, proprio per non lasciare nulla al caso.

Nel caso specifico, quando l’emittente conosce bene le risposte che potranno generarsi da un messaggio provocatorio, sarà abilmente consapevole e in grado di comprendere e capire se la comunicazione utilizzata avrà raggiunto e sortito l’obiettivo stabilito ovvero avrà raggiunto lo scopo per cui l’abbiamo messa in atto.

La comunicazione efficace: quali sono i modi per migliorare le proprie abilità di comunicazione?

Come per ogni allenamento fisico, ovvero per una crescita personale e professionale, anche per la comunicazione sarà fondamentale avere un metodo, una programmazione e saper fare delle valutazioni che potranno e dovranno sempre sortire un appropriato riscontro.

I metodi ed i modelli comunicativi li apprendiamo attraverso lo studio, partecipando a corsi di formazione specifici, osservando e cogliendo i segreti dei “campioni” della comunicazione, ovvero coloro che sono dei modelli vincenti in questo campo, come attori, presentatori, comici, oratori e public speaker; ponendoci inoltre le seguenti domande: cosa ci è piaciuto della loro comunicazione e perché ci hanno incuriosito o interessato?

La programmazione è fondamentale per avere obiettivi specifici che vogliamo raggiungere: possono essere utili i modelli utilizzati anche nel coaching per la pianificazione degli obiettivi come il G.R.O.W., la Time Line, gli Ancoraggi. Strumenti molto validi ed al tempo stesso funzionali per migliorare la nostra comunicazione.

Le valutazioni ci supportano quotidianamente per capire se le azioni adottate ci aiutano al raggiungimento dell’obiettivo e, nello specifico, quanto siamo allineati alla nostra meta.

Per avere un riscontro efficace, possiamo imparare a quantificare l’efficacia della nostra comunicazione attraverso una propria autovalutazione, mediante queste domande: da 1 a 10 che valore diamo alla nostra comunicazione? Se il nostro valore è inferiore a 10, cosa possiamo fare per arrivare all’eccellenza? Quali azioni è opportuno intraprendere? Quali strumenti sono utili per formulare una comunicazione efficace?

Un ulteriore strumento semplice e molto valido di valutazione è il supporto di colleghi ed amici ai quali possiamo chiedere: “Quando comunico, sono chiaro, preciso ed efficace? Cosa emerge dalla mia comunicazione? Quali emozioni fa scaturire il mio messaggio comunicativo?”

Sapere accettare opportuni riscontri ed applicare in modo costruttivo nuovi strumenti e adeguate risorse sono la conditio sine qua non dei professionisti del fitness, ovvero Manager, Commerciali e Tecnici.

Cosa fare per migliorare la propria comunicazione?

A questa domanda c’è una semplice risposta: studio e tanta, tanta pratica! Quando decidiamo di migliorare la nostra comunicazione, possiamo cogliere ogni occasione utile per mettere in pratica quanto appreso, come una riunione di lavoro, un incontro con un cliente, una serata con gli amici, con i propri familiari, ovvero ogni momento in cui abbiamo l’opportunità di mettere in pratica l’arte della comunicazione. Indispensabile per affinare la dialettica e la sintassi guardare film, osservare oratori eccellenti, leggere molto, ovvero letture di ogni tipo e natura purché siano stimolanti ed eccitanti, riponendo in questi fondamentali esercizi l’opportuna curiosità ed emozione.

Carpire dagli elementi sopra indicati una nuova immagine, un nuovo modo di dire, ogni nuova parola e adottare un’opportuna ricerca ovvero il significato sul vocabolario, un confronto con un collega, sono a mio avviso un grande esercizio migliorativo e funzionale all’obiettivo di eccellere nella comunicazione. Essere curiosi ed andare a cercare per le parole più belle e significative un approfondimento sull’etimologia ci educa ogni giorno a cogliere importanti sfumature presenti in ogni termine. Inoltre, ci consente di avvicinarci a quei 250.000 vocaboli presenti nella lingua italiana.

In questo modo saremo più meticolosi ed attenti al contenuto delle nostre conversazioni personali e professionali.

Utilizzando meglio la comunicazione, quali risultati otterremo?

La prima risposta che otterremo sarà di saper creare un “ponte” e, per cui, una sinergia comunicativa tra noi ed i nostri interlocutori.

Tutti i professionisti del fitness, ovvero Manager, Commerciali e Tecnici, nei nostri Club di appartenenza, sono chiamati ad interloquire con una clientela sempre più informata ed eterogenea, ad essere ascoltatori non giudicanti per fornire risposte a quesiti e consulti quotidiani legati alle nostre professioni e relazioni vincenti.

Il cliente desidera circondarsi di professionisti educati, che abbiano stile e carisma, che siano curati e preparati in ogni ambito fondamentale delle proprie professionalità: tecnica, commerciale e relazionale.

In seconda battuta, avremo modo di illustrare, incuriosire, spiegare al meglio le nostre competenze come professionisti del fitness e della salute, abilità che oggigiorno, ritengo, siano fondamentali per supportare e guidare il cliente nel fargli raggiungere tutti i desideri e bisogni esplicitati, soprattutto nella prima fase di accoglienza e di valutazione antropometrica. Gli obiettivi, il benessere ed il bellessere di ogni cliente sono la nostra più importante missione. Noi dobbiamo sempre rispettare la fiducia che il cliente ripone quotidianamente nelle nostre professioni, ed una comunicazione efficace e funzionale agli obiettivi prestabiliti è sicuramente l’enzima più potente per creare relazioni vincenti, emozionanti e qualitativamente uniche (come unico è ogni cliente).

Sarà un immenso piacere incontrarvi nelle prossime aule formative e vi saluto con affetto con questa frase: “Lealtà e comunicazione sono sempre ricompensate nello sport” Cheech Marin.

Sandro Castellana
Formatore e consulente sportivo ed aziendale, per le materie sulla comunicazione, motivazione e team building per le società sportive e commerciali. Docente per la scuola dello sport Coni Lombardia e per Issa Europe per i modelli relazionali, comunicativi e di coaching, per tutti gli operatori e professionisti della salute.

info@sandrocastellana.it

Iscriviti alla newsletter