Indagine sulle palestre in Italia - La Palestra

Scarica gratis il numero 110

Fitness

Indagine sulle palestre in Italia

Paolo Menconi, Presidente di IFO International Fitness Observatory ci parla dei dati di una importante indagine sulle palestre in Italia.

Buongiorno Paolo. Nell’articolo pubblicato sullo scorso numero della nostra rivista, ci hai parlato della ricerca condotta da IFO sui Club/palestre. L’Osservatorio Internazionale del Fitness ne ha realizzata recentemente anche un’altra molto importante, su chi in palestra ci va. Puoi raccontarci che cosa è emerso dalle domande che avete rivolto a più di 30.000 iscritti nelle palestre italiane?

Molto volentieri. L’obiettivo primario di IFO International Fitness Observatory, come ormai è noto a tutti, è quello di monitorare costantemente quanto sta succedendo nel mercato e fornire agli operatori del settore, sia in Italia sia all’estero, le informazioni necessarie per creare le condizioni favorevoli a uno sviluppo reale e concreto.
Con il contributo di Team System, dopo le analisi svolte sui club/palestre, è stata realizzata una nuova ricerca per conoscere la reale situazione del Fitness nel nostro Paese, analizzandola dalla parte degli utilizzatori.

Per raccogliere i dati, abbiamo realizzato un ricco questionario che è stato inviato a oltre 30.000 users/iscritti una indagine sulle palestre in Italia, ricevendo una grande quantità di dati e di informazioni che ci permettono di disegnare un quadro piuttosto realistico dell’attuale situazione.
Rendere pubblici i dati di questa importante ricerca, mi auguro possa contribuire ad aiutare i proprietari e i manager dei club/palestre italiani per individuare le aree di potenziali miglioramenti del servizio offerto ai loro clienti.

Dopo questa premessa, entriamo nel vivo di quest’ultima ricerca delle palestre in Italia

Picture of young cheerful fitness team in gym

Abbiamo approfondito le motivazioni per le quali le persone si erano iscritte in palestra. Vediamo alcune risposte.

Alla domanda sulla nostra indagine sulle palestre in Italia “perché hai deciso di andare in palestra” l’87% circa degli intervistati risponde “per essere e sentirmi in forma”. Il 25%, circa, ci va per “perdere peso” e il 24% dichiara di frequentare un club/palestra per “rilassarsi”. Solo il 10% lo fa per impiegare il tempo libero, e l’11% per una riabilitazione per risolvere un problema fisico. Un dato particolare è che poco meno del 9% dichiara di andare in palestra per fare nuove amicizie e socializzare.

Abbiamo anche chiesto quanto piace andare in palestra. Ecco le risposte: più del 92% dichiara che andare in palestra piace da “abbastanza a moltissimo”, mentre solo l’8% “deve andarci” e, infatti, dichiara che gli piace poco o per niente.

Il 60% degli iscritti frequenta la propria palestra, almeno 3 volte la settimana, circa il 30% 2 volte e gli altri (il 10% circa), meno di 2 volte.

Abbiamo analizzato anche un importante concetto e cioè se il movimento fosse legato o meno al benessere psico-fisico

Per quanto riguarda la percezione che il proprio benessere sia legato al movimento, alla domanda “quanto il benessere è legato al movimento/andare in palestra”, il 76% ha risposto “molto” e “moltissimo”. anche il 22% ne è “abbastanza” convinto. Solo poco meno del 2% lo ritiene poco legato, e quasi nessuno ritiene che non ci sia una relazione.

Oltre a questa domanda ne abbiamo posta un’altra: “è giusto considerare il movimento e andare in palestra una medicina preventiva?”
La risposta è decisamente molto chiara: oltre il 94% degli intervistati ha risposto positivamente con un netto “SI”; il 5 era indeciso, mentre solo l’1,1% ha risposto “NO”, un segnale forte e chiaro di una acquisita consapevolezza da parte delle persone.

Un messaggio da parte di chi in palestra ci va e che dovrebbe e potrebbe aiutare tutti a considerare il fitness un settore importante per la salute e il benessere dei cittadini del nostro Paese.

Non potevano mancare le domande relative all’analisi della qualità dei servizi offerti nelle palestre/club

Per quello che riguarda la qualità del servizio offerto e quanto sia importante per gli iscritti ai club/palestre, un dato interessante è che oltre il 94% ritiene che lo sia “molto” e “moltissimo”.

Se da un lato, il 74% degli intervistati ritiene che l’accoglienza in reception sia importante, una percentuale decisamente superiore, oltre il 96%, ritiene che la professionalità dei trainer e degli istruttori sia fondamentale per la scelta e la fidelizzazione ad un club/palestra. Investire sulla professionalità dei propri staff, con un aggiornamento costante dei trainer e degli istruttori, potrà essere quindi una delle chiavi di successo per il futuro di un club/palestra.

Con il Covid, il Fitness on-line ha avuto un enorme sviluppo. Vediamo cosa ne pensano oggi gli iscritti in palestra anche in un’ottica di aggiornamento dei propri listini

Parlando del Fitness on-line, il 54% degli intervistati dichiara che anche in una ritrovata normalità sarebbe interessato a seguire qualche corso on-line erogato dalla propria palestra/club, ma oltre il 71% non sarebbe disposto a pagare una quota del suo abbonamento per seguire corsi on-line.

Solo l’8,6% sarebbe interessato a iscriversi con un abbonamento esclusivamente on-line, mentre l’81% risponde di non essere assolutamente interessato ad abbonamenti esclusivamente online.

A conferma del diffusissimo desiderio delle persone di seguire corsi con un “istruttore in carne e ossa” nel proprio club, quasi il 94% degli intervistati dichiara che le attività online non possono sostituire un vero istruttore.

Conclusioni

Mi auguro quindi che questi dati e le nostre ricerche possano essere utili ai club/palestre nel nostro Paese a prendere le giuste misure per rispondere in modo adeguato a questa fase di trasformazione e possano gettare le fondamenta per uno sviluppo positivo nel prossimo futuro.

Auguro a tutti buon lavoro e uno splendido 2023, ricco di successi personali e professionali.

Paolo Menconi
“L’uomo dei numeri” e Presidente di IFO International Fitness Observatory

info@ifo.academy
www.ifo.academy

Iscriviti alla newsletter