Bresaola: proprietà nutrizionali e i suoi benefici per la salute - La Palestra

Scarica gratis il numero 110

Alimentazione

Bresaola: proprietà nutrizionali e i suoi benefici per la salute

La bresaola è un alimento salutare e pregiato della tradizione gastronomica italiana, apprezzato in tutto il mondo per la sua delicata consistenza e il suo sapore intenso. La sua storia affonda le radici nell’antica arte della conservazione delle carni, che ha consentito di preservare i prodotti per lungo tempo senza ricorrere alla refrigerazione. Oggi è prodotta in molte regioni italiane, ciascuna con le proprie tecniche e ricette tradizionali. Le sue proprietà nutrizionali la rendono un alimento ideale per chi cerca una dieta equilibrata e salutare, grazie alla presenza di proteine di alta qualità, minerali e vitamine essenziali. In questo articolo scopriremo insieme i segreti della bresaola, dalle sue origini alla produzione artigianale, fino alle migliori ricette e abbinamenti consigliati.

Bresaola: proprietà nutrizionali e i suoi benefici per la salute

Calorie della bresaola: quanti ne contiene?

La bresaola è un alimento magro, che contiene una quantità relativamente bassa di calorie. In media, 100 grammi di bresaola apportano circa 150-170 calorie. Tuttavia, è importante tenere presente che il contenuto calorico può variare in base alla marca e al metodo di produzione utilizzato. Inoltre, il valore energetico può aumentare se la bresaola viene accompagnata da altri alimenti ad alto contenuto calorico, come pane o formaggio. Per questo motivo, se si desidera mantenere un’alimentazione equilibrata e controllare l’apporto calorico complessivo, è consigliabile prestare attenzione alle porzioni e alle modalità di preparazione della bresaola.

La bresaola è un alimento ricco di sostanze nutritive benefiche per l’organismo, che ne fanno un’ottima scelta alimentare per una dieta equilibrata

Essa contiene elevate quantità di proteine di alta qualità, fondamentali per la costruzione e la riparazione dei tessuti muscolari e per il mantenimento della salute delle ossa. Inoltre, è una fonte preziosa di ferro, necessario alla formazione dei globuli rossi del sangue, e di vitamina B12, importante per il corretto funzionamento del sistema nervoso centrale. La bresaola è anche una fonte di acidi grassi polinsaturi, come l’acido linoleico, che contribuiscono a ridurre i livelli di colesterolo LDL nel sangue e proteggono il cuore da malattie cardiovascolari. Infine, grazie alla sua bassa percentuale di grassi e calorie, la bresaola rappresenta una scelta ideale per chi segue una dieta ipocalorica o vuole mantenere il proprio peso sotto controllo.

Cosa è la bresaola e come viene prodotta?

La bresaola è un salume di carne bovina cruda, salata e stagionata. La sua produzione richiede una grande attenzione ai dettagli per garantire la qualità del prodotto finale. La carne utilizzata deve essere scelta con cura, preferibilmente da animali allevati in modo naturale e a lenta crescita, in modo da garantire una maggiore tenerezza e un sapore più intenso. Dopo la macellazione, il taglio scelto viene disossato e privato della maggior parte del grasso visibile. Successivamente, la carne viene massaggiata con sale e aromi naturali, come aglio, pepe e rosmarino, che contribuiscono a conferirle il caratteristico sapore speziato.
Dopo questo processo di salatura, la carne viene lasciata riposare per alcuni giorni in ambiente fresco e asciutto, per far penetrare bene i sapori. Infine, la bresaola viene messa a stagionare per almeno due mesi, durante i quali acquisisce ulteriore gusto e consistenza. Il risultato finale è un prodotto pregiato dalla consistenza delicata e dal sapore equilibrato.

Le origini e la sua storia

La bresaola ha origini antiche e affonda le sue radici nella tradizione gastronomica della Valtellina, una valle alpina situata nella Lombardia settentrionale. La sua storia è legata alla necessità di conservare a lungo le carni in un territorio montuoso e impervio, dove le risorse alimentari erano scarse. Le prime testimonianze dell’utilizzo della carne bovina per produrla risalgono al XVI secolo, ma è solo nel XIX secolo che questo salume inizia a diffondersi in tutta Italia, grazie alla costruzione delle prime ferrovie che consentivano il trasporto dei prodotti alimentari. Negli anni successivi, la bresaola diventa uno dei simboli della cucina italiana, apprezzato in tutto il mondo per il suo sapore intenso e la sua consistenza delicata. Oggi, la produzione di bresaola è stata riconosciuta come specialità tradizionale garantita (STG) dall’Unione Europea, a testimonianza del valore culturale e gastronomico di questo pregiato salume italiano.

Come gustarla al meglio: ricette e abbinamenti consigliati

La bresaola è un alimento molto versatile che si presta a molteplici abbinamenti e preparazioni. In cucina, può essere utilizzata in numerose ricette, sia come ingrediente principale che come condimento. Uno dei modi più comuni di gustarla è come antipasto, accompagnata da crostini di pane o insalate miste. Inoltre, può essere utilizzata per arricchire primi piatti come pasta, risotti o polenta. Per gli amanti del formaggio, la bresaola si sposa alla perfezione con formaggi stagionati come il grana padano o il pecorino romano. Per quanto riguarda le bevande, si abbina bene con vini rossi secchi e strutturati, come il nebbiolo o il barolo. Tuttavia, per apprezzare al meglio la delicatezza della sua carne e dei suoi sapori, è consigliabile gustarla da sola o accompagnata soltanto da pane fresco e burro.

La bresaola italiana: le migliori produzioni regionali

La bresaola è un salume tipico dell’Italia settentrionale, ma la sua produzione si concentra principalmente in alcune regioni specifiche del Paese. Tra le zone più rinomate per la produzione di bresaola, spicca come già detto sicuramente la Valtellina, dove questo salume è nato e si è sviluppato nel corso dei secoli. Qui, viene prodotta utilizzando solo carne bovina di alta qualità e stagionata lentamente per almeno due mesi. Oltre alla Valtellina, anche altre regioni italiane vantano una lunga tradizione nella produzione di bresaola, come ad esempio la Lombardia orientale, il Trentino-Alto Adige e il Veneto. In queste zone, viene prodotta seguendo tecniche e ricette tradizionali che le conferiscono un sapore unico e caratteristico. In particolare, alcune varianti regionali della bresaola prevedono l’utilizzo di spezie e aromi locali, come il ginepro o il peperone crusco della Lucania, che donano al prodotto una nota speziata particolarmente apprezzata dagli intenditori.

La bresaola italiana: le migliori produzioni regionali

La bresaola è un salume di carne bovina cruda, salata e stagionata, apprezzato in tutto il mondo per la sua delicatezza e il suo sapore intenso. Grazie alle sue proprietà nutrizionali e alla sua versatilità in cucina, rappresenta un’ottima scelta alimentare per una dieta equilibrata e varia. La sua storia millenaria e le diverse produzioni regionali testimoniano l’importanza culturale e gastronomica di questo pregiato salume italiano, che continua a suscitare l’interesse di appassionati del food in tutto il mondo. Sebbene la sia un prodotto dalla lunga tradizione, essa si presta a molteplici abbinamenti e preparazioni innovative, rendendola una scelta ideale per chi cerca nuovi sapori da scoprire. Infine, ricordiamo che la bresaola è un prodotto pregiato che richiede grande attenzione nella sua produzione e conservazione, per garantirne sempre la massima qualità e sicurezza alimentare.

Iscriviti alla newsletter