La difficoltà nel delegare i lavori - La Palestra

Scarica gratis il numero 86

Gestione

La difficoltà nel delegare i lavori

Perché i proprietari delle palestre non riescono ad alleggerire il proprio lavoro anche se hanno diversi dipendenti?

Il più delle volte i dipendenti che lavorano in palestra pensano esclusivamente al loro ego e al proprio interesse, invece di essere proattivi e aiutare al buon funzionamento dell’attività stessa. Gestione dei clienti nuovi, già iscritti, coinvolgimento nei corsi o semplicemente pubblicare una foto o un video sui social. Tutto è richiesto e tutto è dovuto. Perché allora i proprietari della palestra sono sempre sotto stress con continui problemi dalla mattina alla sera e senza la loro presenza, l’azienda sembra che crolli?

Purtroppo è una triste verità, ma se non si ha un team veramente preparato nel gestire i clienti a 360°, da quando mettono piede in palestra fino a quando escono, l’azienda non sta in piedi. Basta una pubblicità, anche economica, del concorrente dietro l’angolo contro la vostra palestra e vi perdete tutti i clienti che avete acquisito.

Piccoli intoppi

Delegare deriva dal verbo latino de-legare che significa “affidare un incarico” e come si legge direttamente nel vocabolario vuol dire: “assegnare a terzi atti ad adempiere in propria vece”. Quindi se vi passa continuamente in mente la frase: “no quello non è capace e devo farlo io”, si instaura un circolo vizioso continuo di lavori da dove non ci si riesce più a togliere. Infatti, ci sono diversi tipi di lavori che si possono delegare e altri no, ma è questo il segreto che ha portato tante palestre di successo a livelli di iscritti davvero alti. Saper delegare i lavori e offrire un’esperienza fantastica a ogni cliente che entra in palestra è la chiave per far crescere sempre di più l’azienda.

Attività che deve fare solamente il proprietario

Come dice la parola, questi sono impegni e compiti che deve fare e che nessun altro può affrontare. Un esempio chiaro è la gestione stessa del team e il controllo continuo che tutti facciano bene il proprio lavoro. Quanti personal trainer in sala pesi, invece di essere dei “tutor” che dovrebbero controllare i vari ragazzi nell’esecuzione corretta degli esercizi (senza incappare in incidenti, più o meno gravi), si mettono in un angolo a farsi gli affari propri? Quante volte tralasciano i clienti per soffermarsi con la bella di turno?

È un esempio molto efficace per capire che la presenza del proprietario stesso è importante e richiede una responsabilità diretta.

Attività che si possono fare con il supporto di altri

Sono compiti di cui si è direttamente responsabili, ma in alcuni casi si permette ad altri colleghi di offrire qualche contributo al risultato.

La gestione della parte comunicativa della palestra chi la gestisce? Chi segue i social, le promozioni, news letter ecc.? Chi si occupa, insomma, del “biglietto da visita” della palestra? Lasciate in mano tutti ai vostri collaboratori che si dilettano ogni tanto con qualche foto o video, o cercate di comunicare un messaggio ai vostri potenziali clienti?

Questo è un ottimo modo per rafforzare la vostra autorità, preparando i vostri collaboratori a seguire tutti quella linea di lavoro online che, ovviamente, si rispecchia direttamente anche dentro la palestra.

Attività che gli altri possono fare con il vostro supporto

Questa è un’ottima opportunità di crescita che lasciate a tutti i vostri collaboratori nell’alzare il loro profilo professionale.

Qui si vede se avete collaboratori forti e affiatati pronti a fare squadra. Quando un potenziale cliente entra in palestra come viene gestito? C’è una figura pronta a riceverlo o è lasciato in balia di se stesso? La segretaria o consulente commerciale gli lascia il solito volantino con i prezzi e orari, o cerca di creare un minimo di rapporto?

Per avere sempre più iscritti, saper ricevere al meglio un cliente è la chiave per tutto.

Meglio ancora, utilizzare al momento opportuno il proprietario della palestra come “cavallo di troia” per concludere la vendita è una strategia infallibile per acquisire un nuovo cliente.

Attività che possono/devono fare gli altri

Sono tutti quei lavori che servono organicamente a portare avanti l’azienda e che un proprietario cerca in qualche modo di evitare.

Già saper mantenere un clima felice e sereno dentro la palestra, con la voglia di allenarsi e la giusta motivazione per raggiungere gli obiettivi, è un grande successo. Quanti collaboratori pensano al loro orario di lavoro e solo ed esclusivamente a fare lo stretto necessario, invece di dedicare tutto se stessi lì dentro? Purtroppo ancora molte persone che lavorano in palestra non hanno capito che i clienti pagano, e impiegano il loro tempo libero per venire a divertirsi e raggiungere gli obiettivi preposti, immersi in un clima positivo e non il contrario.

La figura del capo

Il lavoro del proprietario non è per niente semplice. In ogni caso la sua figura deve essere una vera e propria autorità e, volente o nolente, la sua presenza è importante.

Ma avere un team di collaboratori di alto livello, che sanno fare il loro lavoro al massimo, è la chiave del successo. Questo non significa che bisogna scartare collaboratori alle prime armi, ma se hanno la voglia e le capacità di crescere e mettersi in gioco, ben venga.

Come disse Peter Drucker (autore di fama mondiale per le sue opere sulle teorie di gestione aziendale)
il management è “il conseguimento di obiettivi tramite terzi”.

Come per una squadra di calcio, per un’azienda di grande dimensioni o una piccola attività da poche persone, ogni figura ha la sua importanza. La capacità di dare il massimo nel lavoro e saper dare ai clienti la soddisfazione di aver scelto la vostra palestra al posto dei concorrenti è la chiave per arrivare al vero successo. Realizzare quel sogno chiuso nel cassetto, è la molla che vi ha spinto ad aprire la vostra palestra e dare un vero bene comune a tutti i vostri clienti.

Saverio Santinelli
Stratega e consulente Marketing per palestre dell’agenzia Cliccamipiace

Iscriviti alla newsletter