No pezzo di ricambio? No lavoro!

Scarica gratis il numero 91

Gestione

No pezzo di ricambio? No lavoro!

E’ imbarazzante quando la mancanza di un pezzo di ricambio limita l’attività di una palestra, ma ancora più imbarazzante è quando la responsabilità è del produttore che non vuole agevolare il lavoro del manutentore privato

I meno giovani ricorderanno che anni fa un noto marchio di abbigliamento sportivo, nel tentativo di contrastare le contraffazioni delle sue polo, coniò la frase: “O è Una presa qui o è una Presa in giro!”. Un messaggio esplicito, affisso nei negozi, per tutelare i propri rivenditori.
A quanto mi risulta, l’iniziativa determinò esiti opposti alle aspettative: incremento delle vendite del prodotto contraffatto – con tanto di “animaletto” riprodotto e materiali pressoché identici all’originale – che costava un decimo. Anche i più etici e facoltosi, di fronte all’opzione 1 a 10, probabilmente hanno avuto qualche cedimento.

Tutelare il proprio marchio: i pro e i contro

Comprendiamo molto bene la logica con la quale anche molti marchi del fitness, con la legittima intenzione di tutelare i propri prodotti e la ricambistica di riferimento, vincolano di fatto il mercato dell’assistenza tecnica, limitando gli interventi e i ricambi ad esclusivo utilizzo dei propri tecnici, riservando al proprio sistema (venditori e tecnici) le conseguenti remuneratività.
È anche vero che, come abbiamo cercato di documentare negli ultimi interventi su queste pagine, molti centri hanno incominciato a dotarsi di manutentori interni o di manutentori in outsourcing, che hanno iniziato a trattare con produttori e distributori per ottenere i ricambi necessari per le operazioni di manutenzione e di ripristino delle attrezzature assegnate in cura. Per capirci: nastri, sellerie, decalcomanie delle consolle, schede elettroniche, motori, inverter, catene, movimenti centrali, cinghie, pulegge e chi più ne ha ne metta…
Il risultato di queste operazioni è che diversi clienti, anche piuttosto importanti, sono rimasti perplessi e sono andati alla ricerca affannosa di qualche ricambio – extra brand – per non dover sottostare a quelle che in alcuni casi vengono percepite come imposizioni da parte dei marchi fornitori.
Da qui il comprensibile tentativo di trovare soluzioni alternative con richieste a operatori tecnici autonomi che, prima di dire “non si può” (che spesso viene letto come “non siamo in grado…” perdendo in reputazione e competitività), si attivano per trovare soluzioni, in alcuni casi ricorrendo a fornitori di prodotti compatibili oppure realizzando direttamente, o facendosene realizzare, alcuni particolari; considerando che il mercato delle attrezzature fitness è un mercato globale, e spesso ciò che non si trova subito a Milano, probabilmente è rintracciabile a Kiev (e non è detto che costi di più acquistarlo là, trasporto compreso…).

Possibili rimedi, utili per tutti, ma proprio tutti

Certo, anche superare alcuni vincoli presuppone organizzazione e risorse, ad esempio: saper gestire tempi un po’ più lunghi o impegnarsi in stoccaggi preventivi, per poter soddisfare le emergenze. Resta il fatto che, una volta accertata la possibilità di bypassare certe dinamiche diventa più agevole trovare soluzioni e soprattutto garantire i committenti (Fitness Club) sulla possibilità di pervenire a risultati di manutenzione e di ripristino delle proprie attrezzature, senza dover obbligatoriamente ricorrere a soluzioni fantasiose.
Ciò detto la scelta strategica dei vari marchi potrebbe orientarsi in più direzioni:
1) quella estrema, di totale chiusura, con penalizzazioni per chi adotta un più o meno compatibile “fai da te”
2) più conciliante, che consenta ai centri fitness – ai loro manutentori interni o convenzionati – di ordinare, pagare e installare i necessari ricambi e componenti tecnici.

Certo, anche chi scrive sarebbe più agevolato dalla seconda soluzione! È altrettanto vero e constatabile che ne gioverebbero molto – forse più di quanto s’immaginino – gli stessi marchi interessati; sia perché non rischierebbero d’inficiare il rapporto con il cliente e perdere vendite successive… sia perché comunque non rinuncerebbero alla vendita dei ricambi, anzi una distribuzione più capillare consentirebbe di frenare ricorsi al mercato parallelo incrementando le vendite; non ultimo il fatto – anch’esso riscontrabilissimo – che molti clienti fitness lamentano tempi lunghi e disservizi causati dall’impossibilità da parte di molti tecnici ufficiali di essere sempre in grado di intervenire tempestivamente, poiché oberati da mille richieste.
Chiudo con un motto a me caro: “Il semplice atto di prestare attenzione può dare grandi vantaggi”, e questo è un auspicio per chi è arrivato fin qui.

Iscriviti alla newsletter